El ruido del mar es como la guerra

WP_20150401_017Mi addormento tutti i giorni con il respiro del mare che mi entra in casa.

Qui il mare è sempre incazzato e violento, non è mai stanco.

E la notte sembra che la guerra sia scoppiata tra le mie mura. Onde continue che si frantumano sugli scogli davanti casa ed esplodono come bombe lanciate dai caccia.

El ruido del mar es como la guerra“.

E non ti lascia mai sola.

Quando la mattina mi sveglio, Lui è ancora lì e mi accoglie con un ruggito furioso.

Le pale dei mulini a vento girano vorticose, il primo windsurf già plana nella baia.

E tutte le mie domande, tutti i miei perché vengono spazzati via da un vento che fa male.

Fa male conoscerlo per la prima volta.

Fa male tenerselo tra le braccia e le gambe quando s’incazza.

E fa male quando ti picchia contro l’acqua.

Ma sopra ogni altra cosa, fa male sapere di averlo scoperto soltanto ora.

E di fronte a tutta questa bellezza non mi interessa più cercare un senso.

Quello che ho tentato, disperata, di capire per tutta la mia vita, qui non ha patria né ragione.

Esiste solo una felicità incontenibile che non si lascia descrivere a parole.

A. Gray

Advertisements

3 pensieri su “El ruido del mar es como la guerra

  1. Un respiro che si fa urlo, quando va e quando viene …e soprattutto quando manca.
    Urlo sommesso stringe la gola, urlo represso taglia il respiro
    la voce dei gabbiani, del resto, è molto forte…
    Complimenti per lo stile di scrittura, coinvolgente.
    Un caro saluto da Brigida.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...